RESTAURANT 700

Ode alla Puglia contemporanea

Aperto 7/7, il Restaurant 700 offre un’intima avventura gastronomica con un tocco sofisticato e un servizio impeccabile. Con questa promessa culinaria, la vecchia macina delle olive diventa un tavolo conviviale e insieme alla cucina all’avanguardia crea un ambiente moderno immerso nella storia. Al di là del patio, la piscina e il più grande giardino privato di Ostuni con il suo aranceto trovano la loro casa: qui si può fare colazione o cenare nelle notti più calde dell’estate.

“Penso fortemente che le creazioni della cucina contemporanea siano appartenute a grandi maestri del passato, il nostro compito ora è interpretarle seguendo il proprio istinto e le esperienze personali, rispettando il prodotto senza mai stravolgerne il gusto.”

Giacomo Simone, classe 94, è il nuovo Chef del Restaurant 700. Le sue origini pugliesi si celano in ogni piatto, ma sono di volta in volta arricchite dalla volontà di sperimentare e dalle esperienze compiute negli anni passati in diverse cucine. A soli 27 anni, Giacomo può infatti annoverare sul suo curriculum importanti collaborazioni con alcune delle cucine più raffinate del panorama italiano: dalla Locanda del Colonello a Modica (Sicilia), al Resort Forte Village in Sardegna che egli stesso definisce l’esperienza più formativa in termini pratici, fino al Castello Banfi e il Belmond Villa San Michele in Toscana. Qui, come Executive Sous Chef affina le tecniche di cottura della carne e si specializza nell’hotellerie di alto livello. L’ultima volta che ha messo piede in una cucina pugliese aveva 14 anni, ora, quasi 15 anni dopo, torna per guidare la brigata del Restaurant 700 insieme a Davide Minerva e Valeria Di Matteo, ideando una cucina estremamente raffinata, attenta alle tecniche e al rispetto della materia prima locale, lasciando che l’ispirazione per il gusto arrivi direttamente dal suo territorio nativo.

 

 

Restaurant 700

Aperto 7/7 sia per gli ospiti che al pubblico, il Restaurant 700 offre un’intima avventura gastronomica con un tocco sofisticato e un servizio impeccabile. Con questa promessa culinaria, la vecchia macina delle olive diventa un tavolo conviviale e insieme alla cucina all’avanguardia crea un ambiente moderno immerso nella storia. Al di là del patio, la piscina e il più grande giardino privato di Ostuni con il suo aranceto trovano la loro casa: qui si può fare colazione o cenare nelle notti più calde dell’estate.

“Penso fortemente che le creazioni della cucina contemporanea siano appartenute a grandi maestri del passato, il nostro compito ora è interpretarle seguendo il proprio istinto e le esperienze personali, rispettando il prodotto senza mai stravolgerne il gusto.”

Giacomo Simone, classe 94, è il nuovo Chef del Restaurant 700. Le sue origini pugliesi si celano in ogni piatto, ma sono di volta in volta arricchite dalla volontà di sperimentare e dalle esperienze compiute negli anni passati in diverse cucine. A soli 27 anni, Giacomo può infatti annoverare sul suo curriculum importanti collaborazioni con alcune delle cucine più raffinate del panorama italiano: dalla Locanda del Colonello a Modica (Sicilia), al Resort Forte Village in Sardegna che egli stesso definisce l’esperienza più formativa in termini pratici, fino al Castello Banfi e il Belmond Villa San Michele in Toscana. Qui, come Executive Sous Chef affina le tecniche di cottura della carne e si specializza nell’hotellerie di alto livello. L’ultima volta che ha messo piede in una cucina pugliese aveva 14 anni, ora, quasi 15 anni dopo, torna per guidare la brigata del Restaurant 700 insieme a Davide Minerva e Valeria Di Matteo, ideando una cucina estremamente raffinata, attenta alle tecniche e al rispetto della materia prima locale, lasciando che l’ispirazione per il gusto arrivi direttamente dal suo territorio nativo.

La Cucina

I nostri produttori e agricoltori locali “siedono” alla nostra tavola, dove il rispetto delle stagioni e la varietà della materia prima sono essenziali. Per Giacomo e il suo team, è il gusto a dover sempre primeggiare su tecnica e composizione. Questa è per loro l’unica ricetta per regalare momenti di piacere indimenticabili.

Vini

La Puglia è una terra con una straordinaria biodiversità che le ha permesso, negli ultimi 15 anni, di sviluppare una cultura del vino ricca e affascinante, tanto da farla diventare una delle principali regioni produttrici di vini. Da queste terre oggi nascono intensi vini rossi, robusti rosè e delicati bianchi. Primitivo, Negroamaro, ma anche il meno conosciuto Susumaniello. Vini che gli ospiti possono scoprire durante le degustazioni organizzate dal nostro Sommelier nella cantina del Palazzo, ricavata dalla vecchia cisterna per l’olio.

La Cucina

I nostri produttori e agricoltori locali “siedono” alla nostra tavola, dove il rispetto delle stagioni e la varietà della materia prima sono essenziali. Per Giacomo e il suo team, è il gusto a dover sempre primeggiare su tecnica e composizione. Questa è per loro l’unica ricetta per regalare momenti di piacere indimenticabili.

Vini

La Puglia è una terra con una straordinaria biodiversità che le ha permesso, negli ultimi 15 anni, di sviluppare una cultura del vino ricca e affascinante, tanto da farla diventare una delle principali regioni produttrici di vini. Da queste terre oggi nascono intensi vini rossi, robusti rosè e delicati bianchi. Primitivo, Negroamaro, ma anche il meno conosciuto Susumaniello. Vini che gli ospiti possono scoprire durante le degustazioni organizzate dal nostro Sommelier nella cantina del Palazzo, ricavata dalla vecchia cisterna per l’olio.

Clicca sulla foto sotto per visualizzare la gallery